Stiamo per parlarvi di INSALATA.
Siate sinceri, a quanti di voi viene in mente un piatto di sola lattuga, triste e poco condito?
In realtà, le insalate sono molto più di un pasto tipico della dieta dalla facile e veloce preparazione. A dirla tutta, possono diventare un’esperienza enogastronomica di tutto rispetto! Non ci credete? Mettetevi comodi: state per fare un viaggio tra i sapori di ben 5 insalate dal mondo.


SPOILER: “light” sarà la parola che non assocerete più a questo piatto!

  1. COBB SALAD: Era passata la mezzanotte e Robert Howard Cobb, proprietario del Brown Derby, famoso locale di Hollywood, non aveva mangiato da ore. Voleva qualcosa che lo riempisse ma che non fosse troppo pesante. Così, versò in un’insalata vari ingredienti rimasti in cucina: pollo grigliato, avocado, bacon fritto, formaggio, uova sode. Et Voilà, era nata la Cobb Salad.
  2. CAESAR SALAD: È una delle insalate più conosciute e replicate. Di origini italo-americane, è nata grazie all’italiano emigrato negli Stati Uniti Cesare Cardini, che la preparò usando insalata romana, filetti di acciuga, uovo, crostini di pane e parmigiano.
  3. LA MESSICANA: Se si pensa al cibo messicano è inevitabile il richiamo alla lingua che pizzica (l’insalata non fa eccezione). Gli ingredienti di base sono fagioli neri e mais, a cui si uniscono peperoni, lime, avocado, cipolla rossa, un tocco di coriandolo e ovviamente peperoncino, meglio se jalapeño. Per arricchire il piatto si possono aggiungere pezzetti di petto di pollo bollito o dei semplici filetti di tonno. Un’insalata del genere si presta all’abbinamento con le salse tipiche, come la guacamole o la pico de gallo.
  4. FATTOUSH: Arriva dal Libano, ma è una ricetta diffusa un po’ in tutto il Mediterraneo di cultura araba. Gli ingredienti prevedono l’uso di pomodori, cetrioli, cipolle rosse, un cespo di lattuga, ravanelli, un pizzico di prezzemolo e qualche foglia di menta. Il condimento è semplice: olio d’oliva, un pizzico di sale e una spruzzata di limone.
  5. GADO-GADO: Direttamente dall’Indonesia, questa insalata è un mix di tempeh, spinaci, uova sode, cetriolo, cavolo, zucca amara, chayote (ortaggio dalla forma ovoidale) e pezzi di pane. La salsa alle arachidi fa dimenticare qualunque incongruenza.

Il tour enogastronomico continua da BIF! Vi aspettiamo per vivere una nuova esperienza di gusto con le nostre insalate gourmet!

Related Posts


Il curioso caso del fungo che sa di pollo

È l’unico fungo che sa di pollo. Grazie a questa caratteristica viene chiamato dal mondo anglofono, a ragion veduta, the chicken of the woods, ossia la gallina dei boschi. Il suo nome è Laetiporus Sulphureus. Si tratta di un fungo piuttosto vistoso che cresce sui tronchi di latifoglie mature o cadute. La sua struttura è […]

02.04.2019

Coca-Cola: 4 cose (davvero) assurde che non vi sareste mai aspettati

Diciamocelo pure, la Coca-Cola non si è mai accontentata di essere una delle tante bevande consumate nel nostro Paese, ma ha voluto, fin dall’inizio, conquistare un posto nel cuore della gente, diventando simbolo di felicità, convivialità e condivisione. La sua storia è lunga, unica e ricca di curiosità. Eccone 4! Coca-Cola o Coca-ina? Quante volte […]

29.03.2019

La birra spalmabile che vi farà dimenticare la Nutella

Chi ha detto che la birra si può solo bere? Forse vi siete fatti sfuggire la notizia destinata a cambiare il destino di molti: la birra spalmabile è diventata realtà. Nutella, spostati per favore. L’invenzione è tutta italiana e proviene dalla Cioccolateria Napoleone di Rieti in collaborazione con il Birrificio Alta Quota, che dal 2010 […]

06.03.2019
admin

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *