Hai appena finito il tuo hamburger preferito, ma lo spazio per il dolce non manca mai. Il dilemma è sempre lo stesso: quale sceglierai? Cheesecake? Tortino caldo al cioccolato fondente? Alla fine, sei un innovatore e preferisci il Nuts, la versione alla nutella del tiramisù firmato BIF. Ma quanto ne sai del dolce italiano più conosciuto al mondo? Ecco 5 cose che nessuno ti ha mai detto!

  • Era una “zuppa”

Secondo una leggenda antica, il tiramisù è nato a Siena al tempo di Cosimo III De’ Medici. Si racconta che quest’ultimo, al momento dell’assaggio, ne rimase talmente incantato che il dolce prese inizialmente il nome di “zuppa del duca”. Ma, per quanto la leggenda possa ammaliare, è destinata a rimanere tale: in realtà, il tiramisù ha origini novecentesche e si pensa essere nato in provincia di Udine.

  • Ricco dentro ma povero fuori

Nonostante la credenza popolare lo definisca un dolce dalle nobili origini, in realtà, proviene dalle tavole della tradizione contadina. Le mamme, infatti, a forza di olio di gomito, sbattevano i tuorli delle uova, con l’aggiunta dello zucchero, per poi inzupparvi i savoiardi, il tutto accompagnato da una tazza di caffelatte, dando vita a una vera e propria colazione dei campioni per i bambini… e non solo.

  • È nato senza mascarpone

Proprio così, sopraggiunto solo successivamente, a partire dagli anni Cinquanta grazie alla famiglia Campeol di Treviso, l’aggiunta del mascarpone conferì una consistenza vellutata e cremosa al tiramisù, il quale prese anche la forma stratificata che, tutt’oggi, lo caratterizza.

  • Guai a mangiarlo in un piattino

Il tiramisù è conosciuto come “dolce al cucchiaio” in quanto, secondo il galateo della pasticceria, deve essere portato in tavola all’interno di una teglia, di un bicchiere o in una coppetta. Servirlo a fette, come se fosse una torta, sarebbe un vero e proprio sacrilegio. Quindi, se si deve affogare nel piacere, è giusto farlo con stile!

  • Verso l’infinito e oltre

L’astronauta Luca Parmitano, durante il suo viaggio in orbita nel 2013, ha richiesto un menù in cui fosse presente anche il tiramisù. Così, lo chef torinese Davide Scabin del ristorante Combal.Zero ha pensato di preparare il dolce richiesto mediante un processo di disidratazione. Spaziale!

Related Posts


Il curioso caso del fungo che sa di pollo

È l’unico fungo che sa di pollo. Grazie a questa caratteristica viene chiamato dal mondo anglofono, a ragion veduta, the chicken of the woods, ossia la gallina dei boschi. Il suo nome è Laetiporus Sulphureus. Si tratta di un fungo piuttosto vistoso che cresce sui tronchi di latifoglie mature o cadute. La sua struttura è […]

02.04.2019

Coca-Cola: 4 cose (davvero) assurde che non vi sareste mai aspettati

Diciamocelo pure, la Coca-Cola non si è mai accontentata di essere una delle tante bevande consumate nel nostro Paese, ma ha voluto, fin dall’inizio, conquistare un posto nel cuore della gente, diventando simbolo di felicità, convivialità e condivisione. La sua storia è lunga, unica e ricca di curiosità. Eccone 4! Coca-Cola o Coca-ina? Quante volte […]

29.03.2019

5 insalate dal mondo: la rivincita del piatto dalla fama “light”

Stiamo per parlarvi di INSALATA.Siate sinceri, a quanti di voi viene in mente un piatto di sola lattuga, triste e poco condito? In realtà, le insalate sono molto più di un pasto tipico della dieta dalla facile e veloce preparazione. A dirla tutta, possono diventare un’esperienza enogastronomica di tutto rispetto! Non ci credete? Mettetevi comodi: state […]

19.03.2019

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *