C’è chi la vuole bionda, chi non la beve se non è ambrata e chi critica ogni scelta parlando di luppoli e fermentazioni. E voi, quanto ne sapete di birra? Vorreste “specializzarvi”?  Se la risposta è sì, sappiate che a gennaio si apriranno le iscrizioni del primo corso di laurea dedicato a questa deliziosa bevanda!

A partire dal nuovo anno, all’Università degli studi di Milano, verrà inaugurato un nuovo corso di laurea innovativo, promosso da Heineken Italia, tutto dedicato alla birra e agli aspiranti mastri birrai di domani.

Soren Hagh, amministratore delegato Heineken Italia, si dice orgoglioso di inaugurare l’Università della Birra a inizio 2019 perché crede che “la formazione e la conoscenza del mondo della birra siano imprescindibili per portare eccellenza nel business e all’intero settore”.

Programma di studio? Teoria e pratica sul processo produttivo, sulla scelta delle materie prime e sul metodo di imbottigliamento. Non mancheranno, inoltre, lezioni dedicate alle regole del mercato della birra e allo sviluppo di competenze manageriali.

La notizia vi ha messo una certa sete? Venite a trovarci…a tutta birra!

Related Posts


L’hamburger vegano non si deve chiamare hamburger: arriva la “legge”

Non chiamiamoli hamburger se non contengono carne. Lo dice la commissione agricoltura del Parlamento Europeo che ha approvato nuove norme, che vieteranno l’utilizzo di nomi utilizzati per piatti a base di carne per alimenti vegetali. Com’era accaduto anche col latte, essi potrebbero cambiare nome. Potrebbero volerci diversi anni prima che il regolamento entri in vigore […]

14.05.2019

La sorprendente storia dell’amaro: 4 cose che non sapevi

Lo sorseggiamo spesso a fine pasto, per digerire meglio, e perché il suo sapore pungente ci aiuta a “lavare” il palato da tutto il gusto intenso di ciò che abbiamo mangiato: l’amaro è un antico elisir dalle proprietà terapeutiche e dalla storia sorprendente. Ecco perché. 1. Perché “amaro”? Il termine si riferisce ad una bevanda […]

07.05.2019

Non fare il gallo (se sei un polletto): ecco le differenze

Sapeste riconoscere un galletto da un pollo? La risposta è molto meno scontata di quanto potreste mai immaginare. E no, la dimensione non è l’unica cosa che c’entra. La differenza tra pollo e gallo si riduce a due variabili: l’età e il sesso dell’animale. Nonostante i termini siano spesso utilizzati come sinonimi, ci sono più […]

02.05.2019

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *