Quello del cameriere è un mestiere difficile. Lunghi turni, orari di lavoro non convenzionali, piatti che scottano, bicchieri che possono rovesciarsi, clienti esigentissimi…il lavoro è decisamente stressante, sia a livello fisico, che a livello psicologico. Ma cosa passa per la mente di un cameriere tra una portata e l’altra? Vi sveliamo i 5 tipi d clienti che ogni cameriere non vorrebbe mai incontare (ma non osa dirlo)!

1. Il cliente che vuol rendersi utile

La cena è finita, il cameriere arriva al tavolo, deve sparecchiare. Riconosce subito il cliente volenteroso, che vuol aiutare: prende le posate e le poggia sulla tovaglia. Poi, porge il piatto vuoto. Be’, sappiate che, se fate così, siete persone buone e generose, ma…rischiate di rallentare il servizio!

2. Il cliente indeciso

Questa tipologia di cliente alza la mano per chiamare il cameriere, pensa di avere la verità in tasca, ha tutto chiaro. Poi però arriva il dubbio dell’ultimo momento: ritorna sul menù e viene assalito da indecisioni e dubbi ancestrali. “E se poi te ne penti?”, “E se il piatto a fianco è migliore?”. Succede spesso, succede a tutti. Capita per la paura di perdersi qualcosa di buono. Soluzione: venite da Bif più spesso così da assaggiare tutto. E chiaritevi le idee.

3. Il cliente irremovibile

Il cliente irremovibile non transige spostamenti: è tutto d’un pezzo, in piedi, accanto al tavolo dell’amico che ha incontrato al locale. “Ehi, anche tu qui!”…e giù a ciarlare per interminabili minuti. Il cameriere prova a passare, sostiene un vassoio di 40 bicchieri, vorrebbe spazio, fa un tentativo, si intrufola fra gli interstizi, in una posizione che nemmeno lo yoga ancora conosce. Infine, riesce!

4. Il cliente senza divano

Sono le 2 di notte. Tutto il locale è vuoto, o quasi, e tutti i tavoli puliti, sistemati. Ma ecco! In fondo c’è ancora qualcuno. Il cameriere si avvicina e con sua grande (immensa) sorpresa, si accorge che è ancora la coppietta delle 21.00! A quel punto non sa se chiamare IKEA e acquistargli un divano o mandarli gentilmente via. È costretto alla seconda opzione perché IKEA, alle 2 di notte, è chiuso. Però sempre col sorriso.

5. Il cliente che gioca al piccolo chimico

Un cameriere capisce subito se il cliente ha fantasia. Se è un Nobel inside, un amante delle sostituzioni, perché il piatto così va bene, ma se lo cambia è meglio: “Dunque, signora, ha detto che vuole l’hamburger senza burger, più patatine…ma al forno…senape anziché maionese, e verdure al posto del pane?!”. Un NUOVO piatto è improvvisamente nato.

Related Posts


4 (+1) cose che nessuno vi ha mai detto sul mango

“Love is in the air” canta una famosa canzone, ma non è di canzoni che vogliamo parlarvi, benché si respiri ancora aria di Sanremo. La settimana dell’amore è iniziata e, a tal proposito, vogliamo svelarvi 4 cose (+1) che nessuno vi ha mai detto sul mango. Pensate che non c’entri nulla con San Valentino? Be’, […]

11.02.2019
admin

Grana Padano: 4 cose che non sapevi

Il Grana Padano è un alimento che non manca mai nelle vostre tavole e neppure nelle nostre: alcuni dei nostri panini sono arricchiti da questo ingrediente dal gusto deciso e in grado di soddisfare ogni palato. Ma quanto ne pensi di sapere su questo prodotto a marchio DOP, tra i più amati al mondo? Ecco […]

06.02.2019
admin

Mozzarella di bufala: 3 proprietà insospettabili

Quando si pensa agli innumerevoli prodotti del Made in Italy, la mozzarella di bufala campana DOP merita certamente un posto d’onore. Infatti, è davvero impossibile non lasciarsi invogliare dal suo gusto inimitabile e dalla sua consistenza morbida e burrosa. Ma sapevi che dietro a tanto sapore si nasconde una bomba di salute? Ecco tre studi […]

06.02.2019
admin

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *