È un piovoso martedì mattina. Vi siete svegliati, ma siete più assonnati che mai. Dovete andare al lavoro. Avete già l’umore a terra, ma pensate – con fiduciosa certezza – che una buona colazione riesca a sollevarlo. Eppure, nell’armadietto della cucina, trovate solo tristissimi corn flakes. Li ammollate nel latte, diventano gommosi, perdono croccantezza, sapore. O forse, quello, non l’hanno avuto mai. Ma ecco, in fondo al tunnel, la luce! Un articolo caldo caldo di BIF che vi svela 3 incredibili verità sui cereali più insipidi di sempre che vi sconvolgeranno (e vi faranno sorridere, nonostante tutto)! Perchè parliamo di corn flakes? Beh, arrivate alla fine del pezzo e preparatevi a dare un nuovo sapore alla giornata…

1. Sono stati inventati per combattere l’erotismo

Medico ispirato da una fortissima fede religiosa, il “papà” dei corn flakes aveva una forte avversione verso ogni atto erotico: credeva che facesse male al fisico e alla mente. Sposato, John Harvey Kellogg non aveva mai consumato il matrimonio con la moglie: i due dormivano in stanze separate e decisero di adottare i propri figli.
Secondo Kellogg bisognava agire partendo dalla dieta: la carne o i cibi molto saporiti, ad esempio, avrebbero potuto avere un effetto afrodisiaco. Meglio, dunque, preferire cibi poveri, “alleati” nella purificazione del corpo e dello spirito. Così, mentre lavorava al Battle Creek Sanitarium in Michigan, gli venne l’idea: creare dei prodotti da colazione in grado di allontanare dalla mente della gente ogni tipo di pensiero correlato al piacere.

2. Nascono gommosi ma per errore

L’idea dei corn flakes cominciò con un incidente, quando il Dr. Kellogg e suo fratello, Will Keith Kellogg, lasciarono un po’ di semi di grano cotto a raffreddare, mentre risolvevano dei problemi al sanatorio. Quando ritornarono, videro che il grano era diventato raffermo, ma dato che avevano un budget ristretto, decisero di continuare a lavorarlo appiattendo il grano con dei rulli, sperando di ottenere lunghe sfoglie di impasto. Con loro sorpresa, quello che ottennero invece furono fiocchi “gommosi”, che tostarono per cercare di renderli più appetibili.

3. Sono irresistibili se si sposano

Non stiamo parlando di matrimonio, ma di un connubio di sapori che li rendono davvero la cosa più buona al mondo! Nella panatura delle nuovissime Crispy Chick, i corn flakes si sposano benissimo col gusto tenero dei bastoncini di pollo fritti che, udite udite, se immersi nella salsa honey mustard non perdono croccantezza. E sono afrodisiaci! Kellog, ci spiace per te.

Related Posts


Il curioso caso del fungo che sa di pollo

È l’unico fungo che sa di pollo. Grazie a questa caratteristica viene chiamato dal mondo anglofono, a ragion veduta, the chicken of the woods, ossia la gallina dei boschi. Il suo nome è Laetiporus Sulphureus. Si tratta di un fungo piuttosto vistoso che cresce sui tronchi di latifoglie mature o cadute. La sua struttura è […]

02.04.2019

Coca-Cola: 4 cose (davvero) assurde che non vi sareste mai aspettati

Diciamocelo pure, la Coca-Cola non si è mai accontentata di essere una delle tante bevande consumate nel nostro Paese, ma ha voluto, fin dall’inizio, conquistare un posto nel cuore della gente, diventando simbolo di felicità, convivialità e condivisione. La sua storia è lunga, unica e ricca di curiosità. Eccone 4! Coca-Cola o Coca-ina? Quante volte […]

29.03.2019

5 insalate dal mondo: la rivincita del piatto dalla fama “light”

Stiamo per parlarvi di INSALATA.Siate sinceri, a quanti di voi viene in mente un piatto di sola lattuga, triste e poco condito? In realtà, le insalate sono molto più di un pasto tipico della dieta dalla facile e veloce preparazione. A dirla tutta, possono diventare un’esperienza enogastronomica di tutto rispetto! Non ci credete? Mettetevi comodi: state […]

19.03.2019

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *