Com’è fatto un hamburger? Pane e polpetta? Carne e insalata? Non trovate che sia davvero riduttivo rispondere così a una domanda su uno dei panini più amati al mondo?  Ecco perché abbiamo scritto un articolo su questo: una vera ode all’hamburger, in tutte le sue parti, dal bun alla salsa.

IL BUN

Si tratta di un pane morbido, vagamente dolciastro, che offre il contrasto perfetto con gli altri sapori. Deve avere precise caratteristiche:

  • la leggerezza, in quanto non deve appesantire il tutto, ma esaltarne il contrasto, offrendo un’aggiunta alla pietanza principale,
  • la compattezza, in quanto non si deve sbriciolare, deve contenere perfettamente tutto fino all’ultimo boccone, deve rompersi per effetto del morso,
  • la morbidezza, in quanto un pane troppo duro offrirebbe un contrasto troppo elevato e non permetterebbe “il gioco di consistenze” di cui abbiamo parlato prima,
  • la capacità di assorbimento, il pane infatti deve contenere i succhi e la salsa a contatto.

IL BURGER

Per la polpetta viene solitamente utilizzato il manzo. Il disco di carne perfetto contiene circa il 20/30% di grasso che in cottura lo rende succulento e un’altezza di circa 2.5 cm. Il peso ideale è tra i 150/220 g. Ecco le caratteristiche per noi imprescindibili:

  • dev’essere carne italiana
  • deve provenire da filiera controllata.

L’INSALATA

Spesso viene accompagnata da sottili fettine di pomodoro. È l’elemento chiave per l’ottima riuscita dell’hamburger, non soltanto come elemento estetico.

  • Deve contrapporsi per temperatura e consistenza al burger (deve essere fredda e croccante),
  • deve essere condita (lasciarla senza condimento farebbe scemare il risultato finale).

Meglio optare per un’insalata che abbia di per sé molto sapore. La rucola o il radicchio vanno benissimo.

LA SALSA

Last but not least…ciò che lega tutta la struttura e delizioso l’hamburger: la salsa! Quella perfetta è:

  • fatta in casa,
  • prodotta solo con ingredienti freschi e selezionati.

Related Posts


L’hamburger vegano non si deve chiamare hamburger: arriva la “legge”

Non chiamiamoli hamburger se non contengono carne. Lo dice la commissione agricoltura del Parlamento Europeo che ha approvato nuove norme, che vieteranno l’utilizzo di nomi utilizzati per piatti a base di carne per alimenti vegetali. Com’era accaduto anche col latte, essi potrebbero cambiare nome. Potrebbero volerci diversi anni prima che il regolamento entri in vigore […]

14.05.2019

La sorprendente storia dell’amaro: 4 cose che non sapevi

Lo sorseggiamo spesso a fine pasto, per digerire meglio, e perché il suo sapore pungente ci aiuta a “lavare” il palato da tutto il gusto intenso di ciò che abbiamo mangiato: l’amaro è un antico elisir dalle proprietà terapeutiche e dalla storia sorprendente. Ecco perché. 1. Perché “amaro”? Il termine si riferisce ad una bevanda […]

07.05.2019

Non fare il gallo (se sei un polletto): ecco le differenze

Sapeste riconoscere un galletto da un pollo? La risposta è molto meno scontata di quanto potreste mai immaginare. E no, la dimensione non è l’unica cosa che c’entra. La differenza tra pollo e gallo si riduce a due variabili: l’età e il sesso dell’animale. Nonostante i termini siano spesso utilizzati come sinonimi, ci sono più […]

02.05.2019

Comments


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *